La tua pubblicità qui? Contattaci!

Responsive image

Analisi sul ricorso e meccanismi europei

Nel prosieguo della metabolizzazione ed analisi degli elementi in materia di  politiche migratorie, utili alla comprensione anche del fonomeno terroristico, o per meglio dire, degli atti terroristici, procediamo ad interpretare quali i passi utili e necessari per intendere "l'ambiente" nel quale politiche diplomatiche, umanitarie e garanzie, s'interfacciano con le questioni in merito alla sicurezza, al diritto  e le scelte di politica nazionale e meccanismi Internazionali.
Cosí, com'è possibile accedere al "Ricorso" in merito ai meccanismi di accesso alla giustizia?
Dinanzi alla Human Rights Commission delle Nazioni Unite, quando viene presentata una domanda di ricorso, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo può, a richiesta di un denunciante, in conformità all'articolo 39 del suo regolamento interno, imporre misure provvisorie allo Stato convenuto.
Le misure provvisorie si applicano solo in un numero limitato di situazioni in cui esiste un rischio imminente di danno irreparabile. In pratica, la maggior parte dei casi in cui è richiesta una misura provvisoria riguardano casi di espulsione o estradizione da uno Stato.
In questi casi, la Corte può chiedere allo Stato interessato di sospendere un ordine di espulsione contro il richiedente. La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo fornisce regolarmente al richiedente prescelto il rimborso dei costi, In alcuni casi, garantisce anche un risarcimento.
In generale, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, che non obbliga lo Stato ad adottare misure specifiche per porre rimedio alla violazione, spesso considerando che il pagamento delle spese processuali e la dichiarazione di accertamento di violazione sono sufficienti.
Cosa s'intende per giudizio pilota?
La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo procederà a giudizio pilota per risolvere uno dei principali problemi connessi al suo elevata carico di lavoro.
Quando l'ECDC riceve un numero elevato di richieste per la stessa causa principale, può decidere di selezionarne una o più di una per l'elaborazione prioritaria. Nel trattare il caso o casi selezionati, la Corte cerca di raggiungere una soluzione applicabile a tutti i casi simili che trattano lo stesso problema.
Il giudizio risultante è inquadrato come giudizio "pilota". Una caratteristica importante della procedura di tale giudizio è la possibilità di modificare o "congelare" per un periodo di tempo, l'esame di tutti gli altri casi correlati. Questo è un altro modo per incoraggiare le autorità nazionali a intraprendere le azioni necessarie.
Tale rinvio, generalmente decretato per un determinato periodo, può essere subordinato alla condizione che lo Stato agisca rapidamente ed efficacemente sulla base delle conclusioni tratte da questa tipologie di giudizio. Esso non può risolvere tutte le difficoltà poste dall'eccessivo carico di lavoro della CEDU. Tuttavia, ha il potenziale per ridurre significativamente l'arretrato di casi esistente ed eliminare alcuni dei problemi fondamentali che sono alla base di richieste ricorrenti, creando al tempo stesso un rimedio per le persone.
Qual'è la procedura di esecuzione delle sentenze?
Non appena una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo diventa definitiva, viene inviata al Comitato dei Ministri (composto dai ministri degli Esteri di tutti gli Stati membri del Consiglio d'Europa o dei loro rappresentanti diplomatici permanenti a Strasburgo). Quest'ultimo invita quindi il convenuto a informarlo delle misure adottate per pagare le spese o il risarcimento concesso dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.
Ciò richiede spesso l'adozione di misure generali, in particolare modifiche legislative. Per convincere lo Stato interessato a rispettare le sentenze della Corte Europea, il Comitato dei Ministri gioca la sua influenza ed esercita pressioni diplomatiche, in particolare notando il fallimento da parte dello Stato della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e l'adozione di misure adeguate . Finché lo Stato in questione non ha adottato misure soddisfacenti, il Comitato dei Ministri non adotta una risoluzione definitiva in cui giudica il suo elenco di casi e continua a chiedere allo Stato interessato di fornire spiegazioni. o prendere le misure necessarie.
Accesso all'assistenza legale per tutti senza distinzione di nazionalità o di status migratorio.
L'articolo 2 (a) recita come segue: "Ambito di applicazione individuale: le seguenti persone possono beneficiare dell'assistenza legale gratuita:
a) Cittadini spagnoli, cittadini di altri Stati membri dell'UE e stranieri in una situazione di residenza. Accesso effettivo. La giustizia implica la possibilità per una vittima non solo di consegnare i colpevoli alla giustizia, ma anche di ottenere un risarcimento adeguato e tempestivo per il danno subito. Chiunque sostenga che i propri diritti siano stati violati deve avere accesso a un rimedio efficace - in assenza di tale ricorso il diritto in questione diventa privo di significato. Nel contesto della legislazione antidiscriminazione, gli Stati membri sono tenuti a fornire rimedi efficaci, proporzionati e dissuasivi Secondo la Human Rights Commission delle Nazioni Unite, quando uno Stato non riesce a garantire un diritto ai sensi ICCPR, International Covenant on Civil and Political Rights, il ricorso "generalmente presuppone un adeguato risarcimento". La Commissione dei Diritti Umani sembra indicare l'esistenza di una presunzione secondo cui la restituzione dovrebbe essere considerata il mezzo principale per offrire un appello. Ma il risarcimento del danno può anche assumere la forma, ad esempio, di "restituzione, la riabilitazione e le misure di soddisfazione (scuse pubbliche, memoriali pubblici), le garanzie non ripetizione e cambiamenti delle leggi e delle pratiche in questione". 

La CEDU è stato meno esplicito a questo proposito, dal momento che il suo approccio ai rimedi è generalmente la direttiva sull'uguaglianza razziale, articolo 15; Direttiva sulla parità tra donne e uomini (rifusione), articolo 25; Direttiva sulla parità tra donne e uomini nell'accesso a beni e servizi, articolo 14; La direttiva sulla parità di trattamento in materia di occupazione, l'articolo 17 si concentra sui rimedi che può offrire nei casi presentati, piuttosto che sulla valutazione dell'adeguatezza dei rimedi proposti a livello nazionale. In generale, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha stabilito che quando uno Stato non adempie ai suoi obblighi, è obbligato a "porre fine alla violazione e cancellarne le conseguenze in modo da ripristinare il più possibile il situazione precedente (restitutio in integrum). Pertanto, mentre il diritto alla compensazione finanziaria non deve necessariamente essere considerato come un elemento intrinseco e permanente del diritto al risarcimento ai sensi della CEDU, in molti casi è difficile immaginare una forma di riparazione che non fare appello. In caso di violazioni gravi, la Corte Europea sembra assumere implicitamente che la possibilità di ottenere un risarcimento a livello nazionale è un requisito minimo e che questa possibilità deve essere integrata da altre misure come ad esempio un sondaggio o un'istruzione criminale. In generale, la Corte di Giustizia Europea non ha stabilito che la restituzione debba essere possibile nel quadro del diritto di una persona ad una tutela legale efficace.
Siamo di fronte ad un quadro di applicazione di meccanismi, e la domanda in materia di sicurezza che sovviene è come coordinare e monitorare tutti gli organi competenti per territorio affinché la possibilitá del diritto individuale venga espressa. Semplificare in maniera univoca ed universale sarebbe concetto piú giusto ed universale? (Soprattutto in un ambiente unico di Unione Europea).
È la dignitá umana un soggetto da intendersi con discrezionalitá ?