Responsive image

Segreteria cittadina del Pd: "Franza azzeri la Giunta e rilanci l'azione amministrativa"

La segreteria cittadina del Pd sollecita il sindaco di Ariano irpino, Enrico Franza, ad azzerare la Giunta. Il sindaco non ha la maggioranza, la conferma è arrivata dalla bocciatura del bilancio consolidato con 9 voti contrari e solo 6 favorevoli. 

"La mancata approvazione del bilancio consolidato in consiglio comunale sancisce con nettezza l’evidente confusione che affligge molti eletti nel consesso istituzionale arianese - si legge in un lungo documento -. È il caso del consigliere Domenico Gambacorta che in un’articolata peripezia argomentativa, nell’intervento in cui annuncia il proprio voto contrario al documento contabile dimentica che a produrlo, realizzarlo, indirizzarlo è stato lui e la sua giunta. Avrà compreso  in ritardo che sbagliava allora ma con l’aggravante che continua a sbagliare oggi smentendo se stesso. 

L’amministrazione guidata da Enrico Franza tuttavia a questo punto della propria breve ma movimentata vicenda, per non incorrere nel pericolo di un percorso a ostacoli quotidiano, ha il dovere politico di rilanciare l’azione amministrativa riappropriandosi delle ragioni che lo hanno condotto alla vittoria.

Ha il dovere politico di rilanciare la centralità del PD e dei partiti della sinistra progressista a suo sostegno come matrice politica identitaria a cui affidare gli sforzi di costruzione di adeguate soluzioni amministrative frutto di scelte competenti e rispettose dello sforzo profuso per conseguire un risultato significativo per la Città di Ariano. 

Queste ipotesi operative non possono che passare da una revisione dell’esecutivo e da un riequilibrio delle forze civiche e democratiche che hanno interesse a rilanciare il ruolo e l’immagine di Ariano mortificati da anni di governo a guida Gambacorta. Il PD si propone con responsabilità di offrire il proprio ulteriore sforzo di raccordo e d’interlocuzione pur partendo dalla convinzione che nulla possa prescindere da una complessiva riorganizzazione del quadro politico a partire dalla squadra di giunta e dalle posizioni organizzative negli enti di governo della Città".