Responsive image

Paganese in 10, l'Avellino cala il tris nella ripresa

Tris alla Paganese, l’Avellino torna alla vittoria. I biancoverdi sonnecchiano per un tempo ma si sbloccano nella ripresa contro gli azzurrostellati, che pagano l’inferiorità numerica per l’espulsione di Bianchi. Di Gaudio, Tito e Gagliano mettono la firma sul terzo successo in campionato che consente ai lupi di salire a quota 16. 

LA PARTITA – L’infermeria biancoverde è sempre piena. Ciancio dà forfait in extremis per il riacutizzarsi dei fastidi alla schiena. Fuori causa ancora Carriero, Maniero, D’Angelo e Scognamiglio, Kanoute è squalificato. Giocoforza Braglia ripropone lo stesso schieramento di Catania con la sola eccezione dell'impiego di Micovschi sulla fascia destra. Sul fronte Paganese, invece, non c’è l’ex Castaldo. Grassadonia propone il 3-5-2 ma dopo 12 minuti perde per infortunio anche Piovaccari, sostituito da Iannone. Il match stenta a decollare. Squadre bloccate e portieri inoperosi fino al 20’ quando Forte blocca a terra una punizione di Firenze, smorzata dalla barriera biancoverde. L’Avellino conferma le croniche difficoltà in fase di costruzione e non riesce mai ad alzare la velocità delle proprie giocate. Di Gaudio è fumoso, Micovschi si limita al compitino, non ci sono rifornimenti Plescia. Alla mezz’ora Tito si fionda in area su una corta respinta della difesa azzurrostellata ed entra in contatto con Zanini che lo stende. L’arbitro Rutella punisce il presunto gioco pericoloso del laterale dell’Avellino e assegna la punizione agli ospiti tra le proteste dei lupi. Due giri di lancette e Rizzo mette dentro un traversone per la debole girata di testa di Plescia. Al 33’ la Paganese va vicino al vantaggio: Zito innesca Zanini, che scatta in posizione regolare ma trova sulla sua strada Forte, che salva il risultato. Al 43’ si accende Rizzo sul versante destro, cross per il colpo di testa di Plescia che Baiocco sventa in angolo. Ci prova subito dopo sempre con un’incornata Dossena, ma il pallone scivola lontano dalla porta. E’ impreciso anche il tiro a giro di Micovschi al tramonto di un primo tempo noioso. 

Dopo l’intervallo altra brutta notizia per Grassadonia, che già privo dello squalificato Murolo, deve rinunciare anche all’altro difensore Schiavi, che si infortuna e viene rimpiazzato da Scanagatta. Il match potrebbe cambiare al 52’ quando Bianchi trattiene Plescia e rimedia il secondo cartellino giallo. Paganese in dieci uomini, dentro Mastalli per Bove già ammonito. Nuovo assetto tattico per l’Avellino che al 57’ si sblocca: la conclusione di De Francesco viene murata, il pallone schizza dalle parti di Di Gaudio che è perfetto nel controllo e trova l’angolo alla sinistra di Baiocco. La squadra di Braglia è avanti e può giocare con maggiore serenità mentre la Paganese è alle corde. Al 69’ i biancoverdi raddoppiano: Zanini trattiene Mastalli in area e viene ammonito. E’ rigore netto: Baiocco respinge il tiro di Tito, che dopo due tentativi riesce a spingere il pallone in porta per il 2-0. Gagliano sfiora il tris di testa. Partita in discesa per i padroni di casa mentre la compagine di Grassadonia cerca di scuotersi con un missile di Manarelli, smanacciato da Forte oltre il montante. L’Avellino è pericoloso con un tiro a giro di Gagliano sul quale Baiocco si allunga per la deviazione in angolo. Il portiere della Paganese non può però nulla al 90’ sulla conclusione sottomisura dello stesso Gagliano che timbra il 3-0 finale. 


AVELLINO (3-4-3): Forte; Silvestri, Dossena, Bove (9’st Mastalli); Rizzo, Aloi, De Francesco (44’st Matera), Tito; Micovschi, Plescia (19’st Gagliano), Di Gaudio (44’st Mignanelli). A disp.: Pane, Sbraga, Messina. All.: Braglia.

PAGANESE (3-5-2): Baiocco; Sbampato, Schiavi (4’st Scannagatta), Bianchi; Zanini, Firenze, Tissone (19’st Vitiello), Zito, Manarelli; Guadagni, Piovaccari (12’pt Iannone). A disp.: Pellecchia, Caruso, Viti, Perlingieri, Pica, Sussi, Del Regno. All.: Grassadonia.

ARBITRO: Rutella di Enna. 

ASSISTENTI: Torresan di Bassano e Ferrari di Rivereto.

RETE: 13’st Di Gaudio, 24’st Tito, 45’st Gagliano. 

ESPULSO: 7’st Bianchi per doppia ammonizione. 

AMMONITI: Bianchi, Bove, Schiavi, Zanini, Zito.