Responsive image

"No ai profitti sulla pandemia": le Acli di Avellino lanciano una raccolta di firme

In occasione della Giornata Mondiale della Salute, le ACLI di Avellino lanciano tra i propri associati ed aderenti la raccolta di firme per dire "NO AI PROFITTI SULLA PANDEMIA"

Un click per liberare i vaccini dai superpoteri delle aziende farmaceutiche, questa la parola d’ordine del Comitato Italiano della Campagna Europea Diritto alla Cura, che ha articolato l’iniziativa su quattro proposte cui si può aderire cliccando su www.noprofitonpandemic.eu/it.

L’obiettivo della campagna, promossa in Italia da personalità di prestigio e da 92 Organizzazioni della società civile è quello di raccogliere un milione di firme, utilizzando lo strumento dell’ICE (Iniziativa Cittadini Europei) per obbligare l’Unione Europea a modificare gli accordi commerciali con una sospensione, almeno temporanea, dei brevetti dei vaccini.

“La salute non può avere vincoli e confini –sostiene Alfredo Cucciniello, Presidente delle Acli irpine-; essa deve essere garantita per tutti e nessuna industria farmaceutica deve lucrare profitti a discapito delle persone e del loro diritto alla salute. Soprattutto oggi, di fronte a una pandemia che non risparmia nessuno, liberare i brevetti dei vaccini anti-covid da BigPharma e da ogni clausola di esclusività è una necessità indilazionabile. Invitiamo pertanto i nostri iscritti e tutti i cittadini a firmare la petizione”.