Responsive image

Miglior "tecnico en vino" dell'anno: trionfa l'irpino Francesco Moriano

E’ Francesco Moriano, irpino di stanza a Montefredane, il vincitore dell’edizione 2020  del concorso per l’edizione della Spain IWC come miglior ‘’tecnico en vino’’ 2020. Una contesa conclusasi sul filo di lana, con un lotto di finalisti divisi da pochissimi punti dopo le degustazioni, ovviamente alla cieca dei vini presentati dai 5 candidati ammessi, tra i quali ben 3 italiani e 2 spagnoli. Emozionatissimo il vincitore: “Sono onorato di ricevere questo premio che per me rappresenta la conferma di aver intrapreso la strada giusta. Credo fermamente che la figura del tecnico del vino  oltre a ‘fare’ il vino debba essere una figura chiave, insieme a tutto il suo team, nelle attività di gestione aziendale, dal vigneto alla cantina fino alla comunicazione e alla gestione dei costi di produzione. Bisogna avere una visione ampia, andare oltre, osare. Il riconoscimento oggi lo abbiamo conquistato con un vino prodotto proprio da una vinificazione integrale con particolare legni di una tonnellerie francese, pochi hanno scommesso con una vinificazione del genere sul Sangiovese e pochi di essi rendono tanto dopo soli 2 anni. Abbiamo iniziato un nuovo progetto, ci abbiamo visto lungo e abbiamo conquistato, semplice"  

Le sue idee si, ma non solo. Moriano ha avuto anche l’opportunità di affiancare grandi nomi dell’enologia oltre che a grandi produttori irpini. "Questo  riconoscimento è frutto del lavoro svolto in questi anni, devo ringraziare il professore Raffaele Troisi, anima irpina, grande guida per me : dalle serate a Vadiaperti si è approfondita l’enologia, ci si è confrontati ed oggi siamo qui a fare vino buono; Claudio Guerriero anima del Taurasi, i 3 anni alla Vitivinicola Guerriero hanno fatto di me una identità precisa , mirata, coraggiosa che ha contribuito a forgiarne la professionalità. Spero che questo sia l’inizio concreto di una svolta, di un senso al fare vino che oggi ancora manca per una percentuale importante . Oggi non ho vinto io, non ha vinto l’azienda, non ha vinto il vino ‘’ANIMA’’ , oggi ha vinto l’enologia che cambia, l’enologia dinamica, l’enologia che non ha limiti", dice Moriano.