Responsive image

Maniero risponde a Kresic: 1-1 a Padova, mercoledì la battaglia decisiva per la finale

Maniero con il brivido risponde a Kresic. Il primo atto della semifinale tra Padova e Avellino termina in parità. Mercoledì la battaglia decisiva al "Partenio-Lombardi" per strappare il pass per la finale. 

LA PARTITA - Braglia rimodella la formazione con la difesa a 4 con Laezza e Ciancio sulle corsie esterne e la coppia centrale Dossena-Miceli. Tito avanza a centrocampo, il metronomo è De Francesco mentre Maniero è unico riferimento centrale. Il Padova fa la partita e crea il primo pericolo all'8' con un tiro sporco di Chiricò, bloccato a terra da Pane. Il match è spezzettato, ci sono tanti falli e fioccano le ammonizioni ma il cartellino giallo a Maniero è un grossolano errore dell'arbitro Cosso. Alla mezz'ora si scuote l'Avellino: punizione di Tito per il colpo di testa di Dossena che si spegne oltre la traversa. Quattro minuti dopo si apre un varco per Ronaldo che è impreciso nel tiro dai 20 metri. È più pericoloso, invece, al 36' il trequartista del Padova, deviato in angolo da un difensore biancoverde. Sugli sviluppi del corner, Dossena perde di vista l'ex Kresic che di testa batte Pane. L'Avellino, troppo rinunciatario, accusa il colpo e sbanda sulla percussione di Chiricò che impegna Pane con un rasoterra centrale. Carriero rimedia il giallo che gli costerà la squalifica. 

Dopo l'intervallo entra Fella al posto di Laezza. Al 47' Della Latta alza il gomito e stende Maniero in area, Cosso assegna il rigore. Maniero si fa respingere il penalty da Dini ma sulla ribattuta firma di testa il pareggio. I lupi sono ora più intraprendenti e sfiorano il vantaggio al 57' con Carriero, sul cui bolide Dini vola a deviare il pallone in angolo. Al 65' Pane disinnesca un missile di Curcio alzando la sfera oltre il montante. È una battaglia mentre in tribuna si alzano vergognosi cori razzisti verso i dirigenti biancoverdi. Si rivede dopo l'infortunio Luigi Silvestri che al 77' si fionda di testa ma non inquadra la porta. Si dispera Braglia un minuto dopo quando D'Angelo calcia a lato da ottima posizione. Il Padova sembra più stanco ma ha due sussulti nel recupero. Pane è decisivo sull'incornata di Kresic, sull'angolo Biasci al volo fallisce il gol. Finisce in parità, il passaggio in finale si deciderà mercoledì in Irpinia.