Responsive image

L'Avellino sbaglia troppo, il Potenza ringrazia: lupi ko ancora in casa per 0-2

Il “Partenio-Lombardi” si conferma terra di conquista. Per la quinta volta in questo campionato, perde in casa l’Avellino che sbaglia troppo mentre il Potenza ringrazia per lo 0-2 che stende i lupi. 

LA PARTITA – Capuano ritrova Morero al centro della difesa e propone il tandem offensivo Albadoro-Charpentier. Sul fronte Potenza, invece, Leonetti, che sostituisce in panchina lo squalificato Raffaele, si schiera a specchio con il 3-5-2. Al 7’ Giosa sbaglia il disimpegno regalando il pallone a Di Paolantonio, che prova la stoccata, bloccata a terra senza affanni da Breza. L’Avellino pressa alto e potrebbe far male al 21’ con una combinazione tra Parisi e De Marco che Albadoro chiude con un sinistro debole e centrale. Meglio i lupi che si disperano al 25’ quando il sinistro di Parisi scavalca Breza e colpisce la traversa. Nel momento migliore dei lupi, al 27’ il Potenza spezza l’equilibrio. Clamorosa incomprensione di Zullo e Morero, nessuno dei difensori allontana il pallone sul quale si fionda Ferri in campo aperto. Il rasoterra dell’attaccante rossoblu castiga Abibi e punisce l’incredibile svarione della  retroguardia irpina. L’Avellino sbanda paurosamente e rischia un altro patatrac al 36’: sul cross innocuo di Iuliano, Abibi si incarta ed allontana il pallone con il piede, Ferri con il ‘sttocco timbra il pallone, Murano sottomisura trova la deviazione di Illanes che salva sulla linea di porta. Due minuti dopo non sbaglia Murano che ruba il tempo a Morero, resiste alla carica di Illanes e scarica un violento destro alle spalle di Abibi. Morero conferma di essere in pessima serata quando in chiusura di primo tempo, liscia un altro pallone ma questa volta la girata di Murano finisce sull’esterno della rete. 

Alla ripresa del gioco, l’Avellino si ripresenta con due novità: dentro Karic e Rossetti, fuori Illanes e De Marco. Capuano tiene in campo un disastroso Morero e cambia il sistema di gioco ed i biancoverdi sono subito pericolosi con un sinistro al volo di Micovschi  che Silvestri in scivolata devia in angolo. I padroni di casa sono più spregiudicati e s'infuriano con l'arbitro Marchettiche sorvola su un netto calcione di Sepe ai danni di Charpentier in area di rigore. Non c’è penalty tra le inutili proteste dei lupi. L’Avellino continua a spingere, numero di Charpentier che crossa per Micovschi che sbaglia un facile tap-in. E’ di nuovo sfortunata la squadra di Capuano al 72’ quando Dettori allontana di testa la volèe di Micovschi. E' l'ultimo acuto offensivo dei padroni di casa perchè il Potenza si difende e riparte senza particolare pericolosità. Con il passare dei minuti si affievolisce l’intensità degli attacchi dell’Avellino che non trova più sbocchi. Il Potenza in scioltezza vince per 0-2, per i biancoverdi è notte fonda. 


AVELLINO-POTENZA 0-2

AVELLINO: Abibi; Zullo, Morero, Illanes (1’st Karic); Celajk, Micovschi (37’st Silvestri), Di Paolantonio, De Marco (1’st Rossetti), Parisi; Albadoro (19’st Alfageme), Charpentier. A disp.: Tonti, Pizzella, Palmisano, Njie, Laezza, Carbonelli, Evangelista, Petrucci. All. Capuano.

POTENZA: Breza; Sales, Giosa, Silvestri; Viteritti (46'st Isgrò), Iuliano, Dettori, Coppola (18’st Coccia), Iuliano, Sepe; Murano (26’st Vuletich), Ferri, Marini (18’st Arcidiacono). A disp.: Ioime, Panico, Franca, Nembot, Longo, Souare. All. Leonetti. 

ARBITRO: Marchetti di Ostia Lido.

ASSISTENTI: Garzelli di Livorno e Luzzi di Valdarno. 

RETI: 27’pt Ferri Marini, 38’pt Murano. 

AMMONITI: Sales, Micovschi, Parisi.