La tua pubblicità qui? Contattaci!

Responsive image

De Luca scrive ai Comuni: “Anche a Pasqua e Pasquetta tutti a casa”

Questa mattina il Presidente della Regione Campania, ha inviato una nota ai sindaci ed alle autorità competenti nella quale si raccomanda il rispetto delle ordinanze fin qui emanate. In particolare si ricorda è che vietato qualsiasi spostamento non motivato dall'autocertificazione e si invitano le forze dell'ordine a rafforzare i controlli per il rispetto delle ordinanze con particolare riferimento alle disposizioni previste per chi rientra da fuori regione. 

De Luca scrive che "nell’approssimarsi delle festività pasquali, occorre intensificare e rafforzare l’attività di controllo sul territorio, in particolar modo nei punti di accesso al territorio campano mediante qualsiasi mezzo di trasporto, e pertanto nei caselli autostradali, nelle stazioni ferroviarie, nei porti ed aeroporti, al fine di assicurare il rispetto delle disposizioni dei DDPCM sopra menzionati e delle Ordinanze sopra citate e di applicare, in caso di trasgressione, le sanzioni statali (sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 ad euro 3000, oltre alle altre misure previste dall’art.4 decreto legge n.19/2020) e le misure sanitarie all’uopo previste dalle ordinanze medesime (tra cui obbligo di permanenza domiciliare con isolamento fiduciario per 14 giorni)". Il Governatore richiama perciò "alla stretta osservanza delle disposizioni statali e regionali sopra riportate e RACCOMANDA a tutti gli Enti ed Autorità competenti, richiamati nei provvedimenti sopra riportati, ogni sforzo volto ad intensificare, a decorrere dalla data odierna e fino al 13 aprile 2020 le attività di competenza relative ai controlli presso caselli autostradali, stazioni ferroviarie, porti ed aeroporti al fine di assicurare il rigoroso rispetto delle disposizioni dei DDPCM sopra menzionati e delle ordinanze sopra citate e di applicare, in caso di trasgressione, le sanzioni statali (sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 ad euro 3000, oltre alle altre misure previste dall’art.4 decreto legge n.19/2020) e le misure sanitarie all’uopo previste dalle ordinanze medesime (tra cui obbligo di permanenza domiciliare con isolamento fiduciario per 14 giorni)".