Responsive image

Blutec di Termini Imerese, arrestati ad e presidente del Cda

Malversazione ai danni dello Stato: con quest'accusa sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza il presidente del consiglio di amministrazione Roberto Ginatta e l'amministratore delegato Cosimo Di Cursi della Blutec Spa, la società che ha rilevato l'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese. A entrambi sono stati concessi gli arresti domiciliari. Allo stesso tempo è stato emesso un decreto di sequestro preventivo dell'intero complesso aziendale e delle relative quote sociali della Blutec, nonché delle disponibilità finanziarie, immobiliari e mobiliari riconducibili agli indagati fino all'importo di 16 milioni e 516 mila euro. L'attività investigativa riguarderebbe i finanziamenti statali, attraverso Invitalia, per la riapertura dello stabilimento, dove Blutec avrebbe dovuto produrre auto elettriche. A Roberto Ginetta e Cosimo Di Cursi è stata notificata anche una misura interdittiva, per la durata di 12 mesi, che riguarda il divieto di esercitare imprese e uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese.