Responsive image

Avellino dai due volti: Balde punisce la squadra di Rastelli

L'Avellino si ferma a Messina. Una doppietta di Balde punisce la squadra di Rastelli che nel primo tempo colpisce un palo, una traversa e sbatte il muso contro l'ex Fumagalli mentre cala vistosamente nella ripresa e produce poco.

LA PARTITA - Rastelli ripropone la coppia centrale Auriletto-Moretti e si affida al tridente offensivo composto da Kanoute, Gambale e Russo. La squadra biancoverde parte con il piede acceleratore e va vicino al gol al 4' quando un cross di Rizzo ispira la spettacolare rovesciata di D'Angelo, respinta da Fumagalli. Il portiere dell'ACR Messina si esalta al 13' smanacciando sul palo il colpo di testa di D'Angelo, innescato da Kanoute. Sotto la pioggia e su un campo indecente, l'Avellino insiste ma al primo spunto offensivo i padroni di casa passano al 24': il tiro di Balde viene deviato da Casarini, il pallone si impenna e scavalca Marcone che è poco reattivo. La reazione dei lupi è rabbiosa e produce la girata dell'ex Russo ma ancora una volta Fumagalli sale in cattedra salvandosi con il piede sinistro in angolo. L'Avellino spinge ma è sfortunato al tramonto del primo tempo con un colpo di testa di Russo che viene sporcato da Ferrini e si spegne contro la traversa, sugli sviluppi dell'azione la conclusione di Kanoute è troppo debole e così Fumagalli ringrazia. 

Nella ripresa Messina subito minaccioso. In contropiede fila via l'ex Kragl che batte di destro ma Marcone si salva con i piedi. Al 58' la squadra di Raciti raddoppia ancora con Balde, che raccoglie una corta respinta della difesa irpina su un angolo e con un rasoterra trafigge Marcone. Partita in salita per i lupi, Rastelli inserisce Tounkara e Mazzocco per Maisto e D'Angelo. L'Avellino non riesce più a creare occasioni mentre sale la fiducia dei peloritani. Entrano anche Trotta e Di Gaudio per Gambale e Kanoute. All'81' la botta di Di Gaudio dalla distanza esalta ancora Fumagalli che alza il pallone oltre la traversa. Il forcing finale dei biancoverdi non produce effetti. Vince l'ACR Messina, si interrompe la striscia di risultati consecutivi dell'Avellino. Una sconfitta che fa tanto male.