Responsive image

Avellino, arriva la Virtus Francavilla: è la prova del nove per tutti

Si gioca dopo una settimana di veleni e polemiche. Alle ore 17.30 l’Avellino affronterà la Virtus Francavilla in una partita carica di tensione. La sfida contro i pugliesi potrebbe rappresentare l’ultima chiamata per Braglia, che si gioca la panchina. In campo la squadra dovrà dimostrare di essere compatta ed unita come ha annunciato nel comunicato mentre la Curva Sud non esporrà striscioni ed è pronta a contestare società e calciatori dopo il teatrino degli ultimi giorni. Di fronte ci sarà la Virtus Fracavilla dell'ex Miceli, che occupa la seconda piazza, in condominio con Turris e Monopoli. C’è curiosità per le scelte di Braglia, che non ha parlato alla viglia del confronto con i biancazzurri e potrebbe optare per il 3-5-2 con lo scontato ritorno di Silvestri nel terzetto difensivo, che sarà completato da Dossena e Bove. Grande incertezza per la composizione del centrocampo perché alcuni interpreti hanno offerto prestazioni imbarazzanti in questa fase iniziale del campionato ma potrebbero incassare ancora la fiducia di Braglia al quale non mancano però le soluzioni per modificare la linea mediana. Il rebus scelte si allarga anche all'attacco. Di Gaudio è tornato in gruppo ma molto probabilmente si accomoderà in panchina. Di conseguenza nel reparto avanzato è concreta la possibilità di vedere dal primo minuto il tandem Maniero-Gagliano, senza trascurare l’alternativa rappresentata da Micovschi.