Responsive image
Condividi

A scuola con cocaina ed hashish: arrestato 19enne di Montoro

Si chiama “Scuole sicure” il piano, scattato anche in Irpinia, contro lo spaccio negli istituti scolastici messo a punto dal Viminale. La direttiva a firma del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, diramata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri a Reparti dipendenti, in vista della riapertura dell’anno scolastico 2018-2019, prevede un’articolata attività volta ad incrementare l’azione di controllo in prossimità di plessi scolastici, al fine di prevenire e contrastare fenomeni criminosi in particolare connessi all’uso di stupefacenti e a condotte di bullismo in genere, anche grazie ad un’ampia e complessiva strategia d’azione di controllo sul territorio, da realizzare in stretto raccordo con le Amministrazioni locali e con la piena condivisione delle Autorità scolastiche.

Proprio in quest’ottica, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino ha disposto un’ulteriore intensificazione della specifica attività di controllo, già posta in essere con programmate iniziative durante i passati anni scolastici. Oggi in concomitanza della riapertura delle scuole, militari in divisa, coadiuvati da colleghi in borghese, hanno effettuato mirati servizi di osservazione sia all’esterno che all’interno delle aree scolastiche di vari istituti ubicati in questa provincia.

Nell’ambito di tali servizi, presso un istituto scolastico del capoluogo, i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno bloccato un 19enne studente di Montoro che, a seguito di perquisizione è stato trovato in possesso di ben 38 stecche di hashish, 3 grammi di cocaina ed un coltello a serramanico, contenuti nel suo zaino unitamente all’occorrente per lo studio, sottoposto a sequestro unitamente a 300 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio.

La successiva perquisizione domiciliare consentiva anche di scoprire e sequestrare un altro panetto di hashish del peso di circa 50 grammi nonché utensili per il confezionamento delle dosi. Accompagnato in Caserma, alla luce delle evidenze emerse dalla fragranza di reato, il 19enne è stato tratto in arresto in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari.